Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

domenica 19 marzo 2017

Ilaria Alpi a WikiRadio Oggi



Lunedì 20 a WikiRadio Oggi si parla di Ilaria Alpi, giornalista Rai uccisa a Mogadiscio il 20 marzo 1994. 
Ilaria, nata a Roma il 24 maggio 1961, si trovava in Somalia assieme all'operatore Miran Hrovatin, per seguire la guerra civile. Ilaria e Miran avevano però scoperto di più e stavano indagando su un traffico di armi e rifiuti che coinvolgeva, con ogni probabilità, anche le istituzioni italiane e l’esercito. Pochi mesi prima (a novembre del 1993) era stato ucciso, sempre in Somalia, Vincenzo Li Causi, sottufficiale del SISMI, informatore della stessa Alpi sul traffico illecito di scorie tossiche nel paese africano.

Era domenica: la giornalista e l’operatore stavano andando verso l’albergo a bordo di una Toyota, con l’autista e la guardia del corpo, ma lì vicino trovarono un commando di almeno sette persone, armate di kalashnikov, che fecero fuoco. Un proiettile colpì alla tempia Ilaria, una vera e propria raffica investì Miran. Nemmeno un colpo per autista e guardia del corpo, e ciò avvalora la tesi dell’esecuzione mirata. Una beffa del destino, perché solo 24 ore dopo Ilaria sarebbe rientrata in Italia. I genitori e gli amici hanno potuto solo piangerne la morte. Alla coraggiosa e sfortunata giornalista dal 1995 è intitolato un Premio, assegnato alle migliori inchieste televisive italiane dedicate ai temi della pace e della solidarietà.

Su questo duplice omicidio per anni è calato uno spesso velo di omertà, ma negli ultimi anni il fascicolo è stato desecretato e messo on line (www.camera.it). Non è ancora stata fatta chiarezza. I nomi di Ilaria e Miran vengono letti ogni anno nel corso della Giornata contro le mafie di Libera. I due giornalisti, quindi, sono ufficialmente riconosciuti come vittime di mafia. 

Proprio qualche giorno fa Luciana, madre di Ilaria (che nel 2010 è rimasta vedova) ha dichiarato: "Mi arrendo. Basta iniziative." denunciando la lentezza della Giustizia e la non volontà di fare chiarezza. 

(Claudia Bertanza)

Nessun commento:

Posta un commento