Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

giovedì 10 dicembre 2015

Natale col Discobolo. I film natalizi: Canto di Natale

Seconda puntata della rubrica "Natale col Discobolo"; stasera vi consigliamo un super classico natalizio, il Canto di Natale. 



Il Canto di Natale è un racconto del 1843 di Charles Dickens. La storia è nota a tutti. Alla vigilia di Natale un anziano avaro e arido, Ebenezer Scrooge, che odia le feste e passa tutto il tempo a lavorare e far soldi, riceve alcune inquietanti visite: la prima è quella del fantasma del suo ex socio, Jacob Marley che gli annuncia di essere lì per salvarlo. Quindi, arrivano il fantasma del Natale del Passato, quello del Natale del Presente e, infine, quello del Futuro che gli mostrano come sia cambiata la sua vita; dalla dolcezza dei Natali dell'infanzia alla freddezza di quello attuale, fino a un futuro in cui tutti gioiscono per la sua morte.

Disperato e spaventato, il vecchio Scrooge si pente: quando si sveglia, è la mattina di Natale e l'anziano ha ritrovato la gioia di festeggiare.

Dal racconto sono stati tratti moltissimi film (alcuni con lo stesso titolo e gli stessi personaggi, altri liberamente ispirati).
Noi ve ne consigliamo tre, diversi tra loro:

1) La più bella storia di Dickens (titolo originale Scrooge) film musicale del 1970, diretto da Ronald Neame, con Albert Finney nei panni di Scrooge e Alec Guinness in quelli del fantasma di Jacob Marley, l'ex socio dell'avaro protagonista. 



2) Il Canto di Natale di Topolino (Mickey's Christmas Carol), cartone targato Walt Disney del 1983. In questa versione sono i classici personaggi dei fumetti a interpretare i ruoli scritti da Dickens e, ovviamente, Scrooge ha il volto di Paperon de' Paperoni, Bob Cratchit, l'impiegato tiranneggiato da Scrooge è Topolino e troviamo anche il Grillo Parlante (il fantasma del Passato).
Questo corto animato viene trasmesso ogni anno, tra Natale e Capodanno.



3) A Christmas Carol, diretto da Robert Zemeckis nel 2009. Il film è una co-produzione ImageMovers Digital e Walt Disney Productions e si avvale della tecnologia 3D. Pur essendo un film di animazione, gli attori sono reali, in carne e ossa. Vero e proprio mattatore del film è Jim Carrey, che interpreta Scrooge e i tre fantasmi del Natale. Altro nome di spicco è quello di Gary Oldman, nel doppio ruolo di Bob Cratchit e del fantasma di Marley. 



Una curiosità: il personaggio di Henry Potter, il cattivo del film La vita è meravigliosa, è ispirato proprio a Scrooge. 

Buona visione!


Toh, chi si risente... Luciano Tajoli

Ritorna la rubrica  di C. Loffredo "Toh chi si risente" venerdì 11 alle ore 10. Protagonista sarà Luciano Tajoli. 



Luciano Tajoli (Milano 1920 - Merate, Lecco 1996) .
Cantante tipicamente melodico-sentimentale, comincia a cantare verso i tredici anni ed a venti è già un affermato professionista. 
Tajoli trova ispirazione nelle voci delle romanze liriche, soprattutto Beniamino Gigli, anche se le specialità del cantante milanese sono serenate dominate dalla nostalgia e da storie strappalacrime di cui sono spesso protagonisti mamme e bambini, situazioni in cui regna un sentimento melodrammatico ben infiorettato da continui svolazzi e gorgheggi vocali.  
Non per caso è stato un titolo come "Villa triste" a decretare il suo successo nel 1941, poi confermato fra il 1943 e il 1950 ai microfoni di Radio Milano dove si esibisce con l’orchestra del maestro Carlo Zeme.  
Subito dopo la guerra interpreta diversi film e da autentico giramondo diventa presto l'idolo degli italiani che hanno dovuto cercare in terre straniere un'occupazione per sfuggire alla fame e alla mancanza di lavoro in Patria.

Il suo impegno viene premiato meritatamente dall'affermazione sanremese del 1961, col brano "Al di là", cantato in coppia con Betty Curtis.  
Negli anni ‘80 festeggia i 50 anni di carriera incidendo un nuovo disco.

Per ascoltare le sue canzoni in archivio: www.ildiscobolo.net